top of page
  • Alessia Piccioni

Casinò, gambling e betting. Le regole della comunicazione

In Italia la comunicazione per attività come casinò, gambling e betting segue delle regole specifiche, più restrittive e vincolanti, per tutelare i cittadini dal rischio di sviluppare ludopatie




In Italia, la regolamentazione della comunicazione per le attività di casinò, gambling e betting è piuttosto stringente e dettagliata, con l'obiettivo di proteggere i consumatori, in particolare i minori, e prevenire fenomeni di dipendenza dal gioco.


Le normative principali che regolamentano questo settore includono il Decreto Dignità e le linee guida dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM).


Casinò, gambling e betting: il Decreto Dignità


Il Decreto Dignità, entrato in vigore nel luglio 2018, ha introdotto una serie di misure restrittive riguardanti la pubblicità del gioco d'azzardo. Le principali disposizioni sono:


  1. Divieto di pubblicità: È vietata qualsiasi forma di pubblicità, diretta o indiretta, relativa a giochi e scommesse con vincite in denaro. Questo include spot televisivi, radiofonici, cartellonistica, sponsorizzazioni e qualsiasi altra forma di comunicazione commerciale.

  2. Eccezioni: Il divieto non si applica ai contratti di sponsorizzazione e pubblicità stipulati prima dell'entrata in vigore del decreto, fino alla loro naturale scadenza e comunque non oltre il 14 luglio 2019.

  3. Sanzioni: Le violazioni del divieto di pubblicità sono punite con sanzioni amministrative che possono variare da un minimo di 50.000 euro ad un massimo di 500.000 euro, a seconda della gravità della violazione.


Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM)


L'ADM è l'ente preposto alla regolamentazione del settore del gioco in Italia. Oltre a supervisionare l'osservanza delle normative, l'ADM emana linee guida specifiche per garantire un gioco responsabile e trasparente.


Alcuni degli aspetti principali regolamentati dall'ADM includono:


  1. Autorizzazioni e licenze: Solo gli operatori che hanno ottenuto la licenza dall'ADM possono offrire servizi di gioco e scommesse. Le licenze sono concesse a seguito di rigorosi controlli e verifiche di conformità alle normative vigenti.

  2. Gioco responsabile: Gli operatori sono tenuti a promuovere pratiche di gioco responsabile, offrendo strumenti di auto-limitazione, auto-esclusione e supporto per i giocatori che manifestano segni di dipendenza.

  3. Informazioni al consumatore: È obbligatorio fornire informazioni chiare e trasparenti sui rischi associati al gioco d'azzardo, sulle probabilità di vincita e sui contatti per il supporto in caso di problemi legati al gioco.


Altre normative rilevanti


Oltre al Decreto Dignità e alle disposizioni dell'ADM, esistono altre normative e regolamenti che incidono sulla comunicazione delle attività di casinò, gambling e betting in Italia:


  1. Codice del Consumo: Le comunicazioni commerciali devono rispettare i principi di trasparenza e veridicità previsti dal Codice del Consumo, evitando pratiche ingannevoli o aggressive.

  2. Regolamenti regionali: Alcune regioni italiane hanno adottato normative specifiche per regolamentare il gioco d'azzardo, che possono includere ulteriori restrizioni sulla pubblicità e sulle modalità di accesso ai luoghi di gioco.

  3. Normative europee: Essendo l'Italia un paese membro dell'Unione Europea, le normative europee in materia di gioco d'azzardo e pubblicità devono essere integrate nella legislazione nazionale.


In sintesi, la regolamentazione della comunicazione per le attività di casinò, gambling e betting in Italia è caratterizzata da un quadro normativo rigoroso, volto a tutelare i consumatori e a promuovere un ambiente di gioco sicuro e responsabile.

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Kommentare


bottom of page